L’esorcista: il capolavoro horror sui demoni del cuore umano

Stefano Lo Verme per Movieplayer

Sono passati esattamente quaranta minuti dall’inizio de L’esorcista quando, nel bel mezzo di un party a casa dell’attrice Chris MacNeil, la figlia dodicenne Regan fa il suo ingresso nel salotto e, rivolta a uno degli invitati (un astronauta), dichiara in tono serafico: “Tu morirai lassù”, per poi urinare sul pavimento. Un piccolo, bizzarro incidente che segna però anche una cesura fondamentale all’interno del film: si tratta del primo avvenimento perturbante e fuori dal comune che incrina la quotidiana normalità nell’esistenza di Chris, di Regan e degli altri personaggi; non a caso, quella stessa notte, il letto della ragazza sarà colto da inspiegabili movimenti, mentre il prete gesuita Damien Karras avrà un incubo sull’anziana madre appena morta. (continua)