Giorgio Strehler, appunti sul ‘68

Rita Italiano per La Stampa

L’anniversario del 1968 è arrivato e con esso si avviano bilanci, nostalgie, rievocazioni. Giungono quindi quanto mai preziose le riflessioni che Giorgio Strehler mise insieme in forma di appunti proprio in quell’anno. Custodite nell’Archivio storico del Piccolo Teatro, si leggono pubblicate nel volume antologico Nessuno è incolpevole. Scritti politici e civili. Di fronte al tumulto che si svolgeva sotto i suoi occhi, Giorgio Strehler si interrogava, seguendo il filo della storia personale e collettiva, tra inquietudine e smarrimento, voglia di cambiare e necessità di impegno costruttivo. (continua)

I dieci danni che ci lasciò il ’68

L’anno più lungo: dal Vietnam a Valle Giulia passando da Praga

L’onda lunga del maggio francese si è trasformata in una palude

La contestazione? Quella vera fu anticomunista e dimenticata

Università per tutti senza esami o meriti: così iniziò lo sfascio della nostra scuola

Ecco perché l’Urss non poteva permettere la Primavera di Praga

Così gli hippy e il femminismo hanno cambiato anche il sesso

La primavera di Dubček morì d’estate